La leggenda dei telai è senz’altro la più suggestiva e rimanda ad un racconto tradizionale consegnato alla storia di Santarcangelo da una generazione all’altra.

Qui, in una grotta non ancora scoperta, si troverebbero alcuni telai d’oro massiccio, azionati, di notte, da instancabili (e nient’affatto sindacalizzati) tessitori-fantasma. Così, almeno, la vende Giorgio Batini, premio Marzotto per il giornalismo, in un libro del 1968.